Ricetta birra IPA all grain

ricetta-birra-ipa

Ricetta birra IPA di Francesco Rapisarda

A prescindere dalle preferenze di birrai e homebrewer, la ricetta della IPA è un classico che in molti hanno approcciato. Questa ricetta, ideata da Francesco Rapisarda, è ispirata dalla lunga tradizione anglosassona e dai luoghi nei quali è nata la India Pale Ale.

Lo stile birrario: IPA

Birra amata in tutto il mondo, la IPA è certamente uno delle birre più replicate da tutti gli homebrewer, con decine e decine di ricette disponibili sul web e sui manuali più diffusi. Come previsto dallo stile, la ricetta della IPA è fortemente caratterizzata dei numerosi luppoli, che in questa ricetta sono tre: Pilgrim, Challenger ed East Kent Goldings. La presenza dei tre tipici luppoli inglesi denota la volontà di produrre una ricetta della IPA che rispecchi la tradizione anglosassone dello stile.

luppoli-inglesi

La ricetta della IPA

  • Metodo di produzione: all grain
  • Impianto: pentole/all in one 23 litri
  • OG Stimata: 1.058
  • IBU Stimato: 63.9
  • Colore SRM Stimato: 8.14
  • FG Stimata: 1.014
  • ABV Stimato: 6,5% vol.
  • Ammostamento: Single Step
  • Acqua di mash: 15 Litri (5 Kg x 3 L)
  • Acqua di sparge: 15 Litri
  • Priming: 5 g/l

Ingredienti

La lista dei malti:

  • 4,5 kg di malto Pilsner Belgian
  • 600 g di malto CaraMunich 2
  • 400 g di malto CaraPils
  • 500 g di fiocchi di Frumento

I luppoli:

  • 50 g di luppolo Pilgrim
  • 35 g di luppolo Challenger
  • 35 g di luppolo East Kent Golding
  • 14 g di luppolo Challenger in pellet

Lievito:

  • 1 bustina di Fermentis Safale US-05 – g 11,5 (temp. di fermentazione consigliata: 15-24 °C).

impianto-homebrewer

Procedimento

Portare i 15 litri di acqua nella pentola del mash a 57°C così che inserendo i grani macinati porteranno la temperatura del  mash a  52°C e sostare 10 minuti alla temperatura di 52°C. Aumentare la temperatura sino a 66°C e mantenerla per 60 minuti. Preparare nella pentola dello sparge 15 litri di acqua a 78°C.

Effettuare il mash out e filtrare il mosto con lo sparge; travasare nella pentola di boil, portare a ebollizione e cuocere per 60 minuti.

Raffreddare il mosto e portarlo a temperatura ambiente; effettuare il whirpool e travasare nel fermentatore, quindi inoculare il lievito

Gettate di luppolo

  • 1° inserimento bollitura 60 min – 50 g di luppolo Pilgrim
  • 2° inserimento bollitura 20 min – 20 g di luppolo Challenger
  • 3° inserimento bollitura 20 min – 20 g di luppolo East Kent Goldings
  • 4° inserimento bollitura 10 min – 15 g di luppolo Challenger
  • 5° inserimento bollitura 5 min – 15 g di luppolo East Kent Goldings

Fermentazione:

Temperatura tra 18°C – 22°C

Maturazione:
Dopo l’imbottigliamento maturare per 15/20 giorni a 12 °C. Ideale dopo 1/2 mesi

Hombrewer

L’autore di questa ricetta della ipa è Francesco Rapisarda, grande appassionato di birra, esperto di homebrewing e fondatore del blog ilbirraiomatto.it.

grey-goose-ipa

Le IPA che hanno ispirato la ricetta

Per questa ricetta della ipa Francesco si è ispirato alle ipa inglesi dall’amaro equilibrato e dall’aroma piacevole:
“Mentre pensavo alla ricetta ripercorrevo le sensazioni organolettiche di una ipa a cui sono molto affezionato, ovvero alla Goose IPA del Goose Island Beer Co. Una ipa dall’aroma fruttato particolarmente equilibrato a cui si accosta perfettamente una determinante presenza maltata.”

Le varianti

Cosa hai cambiato rispetto alla tua ispirazione?
“Rispetto alla Goose IPA ho cercato in ricetta di conferire un tocco agrumato più accentuato, riservando negli ultimi inserimenti e nel dry-hopping dei luppoli dalle piacevoli note speziate e agrumate. In fermentazione, invece, ho preferito utilizzare un lievito americano piuttosto neutro che potesse disegnare una bevuta equilibrata, leggera e allegra.”

Le birre IPA preferite

Quali sono le ipa che preferisci?
Il bello delle IPA è che offrono sempre un motivo diverso per berle! Le differenti combinazioni di luppolo sono in grado di creare profumi invitanti che disegnano la complessità della bevuta ancor prima di fare l’assaggio. Ma in tutto questo complesso organolettico, nello stile IPA, non viene mai occultata la base maltata, stabile e saporita, su cui si poggia tutta la degustazione. Tra le ipa che preferisco, oltre la Goose IPA, cito la Punk IPA e Hazy Jane Neipa della Brewdog e la 22nd Anniversary IIPA della Coronado Brewing Company. Mentre tra le Ipa Italiane trovo che siano ottime la Double IPA del birrificio Canediguerra, la Ri’appala del Piccolo Birrificio Clandestino, L’IPPA del Baladin e la Tel Chi del Dulac.”

ricetta-birra-ipa

 

Thanks to: ilbirraiomatto.it | polsinelli.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp h 8-20